Marchio QS, approvato il disciplinare per latte ovino, caprino e derivati

Marchio QS, approvato il disciplinare per latte ovino, caprino e derivati
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  

Tra pochi mesi i consumatori potranno trovare sui banchi della piccola, media e grande distribuzione, prodotti a marchio cento per cento siciliano. Lo prevede l’assessore all’Agricoltura Edy Bandiera commentando l’ultimo – quello relativo a “latte crudo ovino, caprino e derivati” – dei cinque disciplinari approvati nell’ambito del marchio QS, Qualità Sicura garantita dalla Regione Siciliana.

Adesso che la Commissione Europea ha approvato il disciplinare e il marchio è stato registrato all’Uami (Ufficio per l’Armonizzazione del Mercato Interno), chi produce formaggi ovini e caprini, ricotte o vende latte, purché tutto rigorosamente siciliano, in linea con il rigoroso disciplinare e certificato da organismi di controllo indipendenti, può immettere in commercio il prodotto con il marchio che garantisce una qualità superiore.

Sono cinque i disciplinari attualmente approvati a Bruxelles: l’ultimo approvato si aggiunge a quello del grano duro e derivati; carne bovina; carne ovina (agnello/agnellone); latte crudo vaccino e derivati.  

«In questi due anni e mezzo – afferma l’assessore regionale per l’ Agricoltura, Edy Bandiera – il Governo Musumeci ha impresso una grande  accelerazione al tema della certificazione che valorizza le produzioni siciliane di qualità, ottenendo da parte dell’Unione Europea, l’approvazione di  numerosi disciplinari di produzione. L’obiettivo è quello di valorizzare le nostre produzioni, renderle riconoscibili e invogliare il consumatore, che va ben informato ed educato, ad orientarsi verso produzioni regionali di qualità che se riconosciuta e certificata si traduce in incremento del valore, in una maggiore remunerazione della nostra agricoltura e in maggiore reddito per l’agricoltore».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *