Nasce Dos Sicilia, il food a marchio territoriale in un’unica associazione

Nasce Dos Sicilia, il food a marchio territoriale in un’unica associazione
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  

Le eccellenze agricole e agroalimentari siciliane fanno rete e trovano il modo di lavorare insieme costituendo Dos Sicilia, la prima associazione costituita da 15 soggetti tra consorzi, associazioni e filiere produttive che stanno adottando il marchio QS-Qualità Sicura, garantita dalla Regione Siciliana.

Era ora, ci sarebbe da aggiungere. Forse avrà aiutato riflettere sui dati snocciolati nell’ultimo report Ismea-Qualivita sulle produzioni italiane a marchio territoriale per smuovere un po’ la diffusa autoreferenzialità delle piccole aggregazioni nostrane dei produttori di Dop e Igp e di altri prodotti a marchio per decidere di mettere insieme le forze.

Infatti, per quanto la Sicilia nel 2019 abbia conquistato il primato della maggiore crescita in termini percentuale del fatturato delle produzioni a marchio, in valore assoluto rimane pur sempre una piccola realtà ma dalle interessanti potenzialità. Potenzialità che comunque, a causa della fragilità intrinseca del sistema produttivo, non può far ambire la Sicilia al raggiungimento dei numeri che caratterizzano quelle importanti produzioni nazionali come Parmigiano Reggiano, Grana Padano e Prosciutto di Parma che da sempre costituiscono la punta di diamante dell’agroalimentare di qualità tutelato, protetto e conosciuto nel mondo e con una base produttiva di tutto rispetto. 

Sulla costituzione di Dos Sicilia, di sicuro, poi, avrà avuto il suo peso la sollecitazione rivolta qualche settimana fa dall’assessore regionale all’Agricoltura Edy Bandiera ai rappresentati dei Consorzi di Tutela siciliani durante una partecipata riunione on-line.

L’invito di Bandiera a costituirsi in un’unica associazione per meglio organizzare, promuovere e rappresentare gli interessi e gli obiettivi dei consorzi che mettono insieme le aziende siciliane produttrici di eccellenze, è stato accolto e così ha preso vita Dos Sicilia. «L’idea lanciata qualche settimana fa adesso è divenuta realtà e la neonata associazione – dice Bandiera – potrà fare tesoro dell’apposito avviso con cui abbiamo dotato i nostri consorzi di un utile strumento di supporto, anche finanziario. Faccio i miei complimenti e i miei migliori auguri di buon lavoro a tutti i consorzi aderenti alla neonata associazione che hanno voluto cogliere questa nuova sfida ed importante opportunità. Adesso avanti, insieme, verso la ulteriore valorizzazione delle nostre produzioni di qualità e la promozione delle eccellenze siciliane in tutto il mondo».

All’atto costitutivo in uno studio notarile catanese è stata assicurata la partecipazione di quindici (molte le presenze per procura) tra consorzi e associazioni e precisamente: il Consorzio della Carota Novella di Ispica, della Ciliegia dell’Etna, del Cioccolato di Modica, quello del Formaggio Ragusano, del Formaggio Piacentinu Ennese, del Formaggio Pecorino Siciliano ed ancora i Consorzi dell’Olio Monte Etna, dell’Olio Monti iblei, del Pistacchio di Raffadali, del Pistacchio verde di Bronte, del Pomodoro di Pachino, della Provola dei Nebrodi, della Vastedda della Valle del Belice nonché QS Progetto Natura e QS Rete Ovinicoltori. Durante la prima riunione del Direttivo sono state poi inclusi anche il Consorzio dell’Olio Val di Mazara e quello della Pesca Leonforte.

Dos Sicilia
Massimo Todaro, presidente di Dos Sicilia

A guidare l’associazione nella veste di presidente è stato chiamato Massimo Todaro, professore associato di “Nutrizione e alimentazione animale” presso il Dipartimento Saaf dell’Università di Palermo. Todaro sarà collaborato da due vicepresidenti, Salvatore Peluso (presidente del Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica) e Salvatore Lentinello (presidente del Consorzio Pomodoro di Pachino), e dai consiglieri Sebastiano Tosto in rappresentanza della QS Rete Ovinicoltori e Giosuè Catania presidente del Consorzio Olio Monte Etna. 

«La necessità di costituire una associazione capace di rappresentare gli interessi delle produzioni di eccellenza siciliane – dichiara il neopresidente Todaro – era avvertita da tempo da tutti i consorzi, e auspicata a tutti i livelli, europeo, nazionale e regionale sia in sede politica che tecnica».

Molte delle realtà che sono entrate a far parte del Dos Sicilia non sono ancora consorzi di tutela riconosciuti. «Proprio per superare questo ritardo – spiega Todaro – domani consegneremo un progetto a valere sull’avviso predisposto dall’assessorato Agricoltura che prevede, tra l’altro, linee di finanziamento ad hoc perchè le produzioni a marchio si dotino di un consorzio di tutela riconosciuto».

L’associazione Dos Sicilia potrà contare, inoltre, su un Comitato Tecnico coordinato da Elena Albertini e composto da Nino Scivoletto (Consorzio Cioccolato di Modica), Enzo Cavallo (Comitati QS), Massimo Pavan (Consorzio Carota Novella di Ispica), Giuseppe Licitra (Consorzio della provola dei Nebrodi), Domenico Di Stefano (Consorzio Pesca di Leonforte), Enrico Cimbali (Consorzio Pistacchio di Bronte), Salvatore Martorana (Consorzio Olio Monte Etna), Raffaele Sarda (Consorzio del Piacentinu Ennese) Salvatore Gazziano (Pistacchio di Raffadali) Sebastiano Barone (Consorzio Pomodoro di Pachino).

«Il prossimo passo – assicura il presidente – sarà quello di lavorare per la promozione e la valorizzazione delle produzioni agricole e agroalimentari siciliane di qualità certificate».

Inoltre è già in programma l’ampliamento della base sociale. Presto, infatti, potrebbero entrare a fra parte di Dos Sicilia anche i consorzi dei produttori e di tutela dei diversi agrumi a marchio Dop e Igp che com’è noto sono cinque: Arancia Rossa di Sicilia Igp, Limone di Siracusa Igp, Arancia di Ribera Dop , Limone dell’Etna Igp e Limone Interdonato Igp.

© Copyright 2020 – Tutti i diritti riservati Sicilia Verde Magazine

2 pensieri su “Nasce Dos Sicilia, il food a marchio territoriale in un’unica associazione

    1. L’associazione Dos, al momento, ha raccolto le adesioni di molti Consorzi di tutela o delle associazioni che hanno promosso il riconoscimento di Igp e Dop, ma nella compagine sociale non ci sono organizzazioni che fanno riferimento al vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

C'è stato un errore mentre tentavi di inviare la richiesta. Per favore, riprova

Sicilia Verde Magazine utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per essere in contatto con te e per fornire aggiornamenti e marketing