Celavie, progetto di cooperazione Italia-Tunisia sull’acquaponica

Celavie, progetto di cooperazione Italia-Tunisia sull’acquaponica
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le colture fuori terra sono un orizzonte dell’economia circolare, modello sempre più necessario per ridurre l’impatto ambientale di produzione e consumo. In particolare all’acquaponica, tecnica grazie alla quale piante e pesci crescono attraverso uno scambio reciproco di sostanze nutrienti, è dedicato il progetto “Celavie”, finanziato con i fondi europei del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Tunisia il cui ente capofila è il Coreras.

Le colture acquaponiche minimizzano il consumo di suolo e di risorse idriche, non richiedono pesticidi, hanno basso impatto sull’ambiente e riducono i costi di produzione.

Obiettivo di “Celavie” è sviluppare un sistema di acquaponica del tutto autonomo e, inoltre, autosufficiente dal punto di vista energetico, con il ricorso a fonti rinnovabili.

Tra le attività di ricerca svolte all’interno del progetto rientra una consultazione online rivolta a consumatori, istituzioni, associazioni e imprese.

Si può partecipare con pochi clic collegandosi alla pagina web https://bit.ly/3gTwiLD. Alle aziende che risponderanno al breve questionario sarà offerto un webinar gratuito sull’acquaponica. Le colture acquaponiche minimizzano il consumo di suolo e di risorse idriche, non richiedono pesticidi, hanno basso impatto sull’ambiente e riducono i costi di produzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *