Su ricerca e sperimentazione l’Irvo si confronta con i produttori

Su ricerca e sperimentazione l’Irvo si confronta con i produttori
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  

Su ricerca e sperimentazione L’Istituto regionale Vino e Olio ascolta i produttori vinicoli, i frantoiani e i confezionatori di olio. Nella logica del coinvolgimento e della programmazione bottom-up, a partire dal 17 novembre, infatti, sono state programmate una serie di videoconferenze durante le quali produttori di vino e di olio di tutta la Sicilia potranno confrontarsi con i tecnici dell’Irvo. Si tratta dell’occasione in cui gli attori delle due filiere di competenza dell’Istituto possono esprimere il loro parere e far presente i loro interessi, circa l’attività di ricerca e sperimentazione che l’Istituto intraprenderà nel prossimo anno assieme ad altre istituzioni scientifiche nazionali e estere.

Si traducono in fatti, dunque, gli impegni che sono stati comunicati al mondo del vino e dell’olio nella lettera aperta che il neopresidente dell’Irvo, Sebastiano Di Bella, insieme ai consiglieri Dino Taschetta e Pino Aleo, ha firmato e reso pubblica lo scorso 28 settembre.

«È questo – afferma Di Bella – un modo concreto per essere vicini alle reali esigenze delle imprese e per avviare l’auspicabile collaborazione fra pubblico e privato».

Le videoconferenze cominciano tutte alle 10 e sono state convocate in giorni diversi per evitare di sovraccaricare il sistema usato per gestire gli incontri on-line. Quattro giorni sono dedicati alle cantine, due al mondo dell’olio. Alle cantine di Trapani e provincia è dedicato l’incontro del 17 novembre, mentre quelle del catanese potranno partecipare a quello del giorno successivo (18 novembre). E poi ancora il 19 saranno ascoltate le strutture di Messina, Ragusa, Siracusa. Il ciclo di ascolto per il mondo del vino si chiuderà il 20 novembre che è riservato alle strutture delle province di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Palermo.

Per frantoiani e confezionatori di olio d’oliva sono due le giornate: il 24 novembre per quelli che operano nelle province di Agrigento, Palermo e Trapani, il giorno successivo (25 novembre) per quelli delle restanti province (Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Ragusa e Siracusa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

C'è stato un errore mentre tentavi di inviare la richiesta. Per favore, riprova

Sicilia Verde Magazine utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per essere in contatto con te e per fornire aggiornamenti e marketing