Distretto Agrumi di Sicilia, elezione Cda e presidente rinviata ad ottobre

Distretto Agrumi di Sicilia, elezione Cda e presidente rinviata ad ottobre
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’assemblea dei soci del Distretto Agrumi di Sicilia ha chiesto tempo. Riunita lo scorso 30 giugno ha approvato bilancio 2020 e conto economico preventivo 2021, ma per il rinnovo delle cariche e degli organi direttivi ha preferito rinviare di qualche mese. Troppo pesante, a quanto pare, in questo momento, la responsabilità di individuare un nuovo presidente del Distretto, dopo che Federica Argentati, alla guida dell’organismo della filiera da undici anni, ha annunciato nei mesi scorsi di non volersi più ricandidare.

L’assemblea dei soci, non ancora pronta a definire un nuovo asset e soprattutto un nuovo presidente, ha deciso così di rinviare l’elezione della nuova governance del Distretto a fine ottobre.

I soci, all’unanimità, hanno espresso apprezzamento per l’impegno profuso in questi anni dalla Argentati in termini di valorizzazione anche internazionale degli agrumi siciliani d’eccellenza (Dop, Igp e bio), dell’autorevolezza del Distretto nelle interlocuzioni istituzionali e delle sinergie avviate con enti pubblici e privati. Ne è scaturito un partecipato dibattito che, dopo i lunghi mesi di riunioni in video, è stato anche l’occasione per un confronto sereno, sia pur franco e diretto fra i vari attori della filiera agrumicola siciliana e la presidente Argentati sul futuro del Distretto.

Consapevoli del valore che lo strumento rappresenta per la filiera agrumicola siciliana, i soci hanno quindi avanzato un appello corale alla Argentati, chiedendo con insistenza ulteriore tempo per potersi confrontare fra di loro e trovare una convergenza sulla futura governance e sul nome del nuovo presidente. L’assemblea tornerà dunque a riunirsi alla fine di ottobre e fino ad allora restano confermati presidente e cda attuali del Distretto Agrumi di Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.