Cinghiali, a Mazara del Vallo presi d’assalto orti e vigne

Cinghiali, a Mazara del Vallo presi d’assalto orti e vigne
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I danni alle colture causati dai cinghiali in aumento anche nella provincia di Trapani. Le scorribande degli ungulati avvengono in particolare nelle zone limitrofe alla Riserva naturale Gorghi Tondi, a Mazara del Vallo, dove branchi di cinghiali hanno preso d’assalto le colture.

A farne le spese di recente le colture di anguria che in questo periodo sono in piena maturazione. Secondo le stime dei produttori della Cia Sicilia Occidentale, si accusano perdite fino al 40% del raccolto. «Sono ormai numerose le segnalazioni che arrivano agli uffici e ai tecnici della Cia di Mazara», spiega Matteo Paladino, vicepresidente della Cia Sicilia Occidentale. «Non sono solo le angurie ad essere in pericolo – aggiunge Paladino – ma anche le altre coltivazioni orticole e i vigneti. Gli agricoltore sono frustrati ed esasperati: assistono alla distruzione dei loro raccolti nella consapevolezza di avere scarse possibilità di ottenere un risarcimento dei danni da parte della Regione o degli enti locali».

La popolazione di cinghiali aumenta in ogni zona d’Italia e non sono pochi i casi di cronaca che riportano di incidenti stradali, anche mortali, causati dalla loro presenza. «Bisogna affrontare la situazione e trovare una soluzione», aggiunge Antonino Cossentino, presidente della Cia Sicilia Occidentale. «Amministrazioni comunali, Wwf e Prefetto – aggiunge – devono intervenire per tutelare la sicurezza degli agricoltori che oggi qui, come in altre parti della Sicilia, ad esempio sulle Madonie, hanno ormai paura a recarsi nei campi. Chiediamo un incontro all’assessore regionale Toni Scilla per affrontare questo problema che affligge economicamente i nostri agricoltori. Occorrerebbe una elasticità maggiore nelle regole per l’abbattimento e la limitazione di questa specie».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.