Donne della Terra, mostra fotografica all’Orto Botanico di Palermo

Donne della Terra, mostra fotografica all’Orto Botanico di Palermo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Riflettori accesi su una realtà poco nota, la vita delle aziende agricole siciliane dirette da donne da generazioni. Quelle stesse che resistono alla crisi del settore provando a reagire con fantasia ed innovazione. Tutto testimoniato in una mostra fotografica composta da sessanta scatti di giovani fotografi siciliani che documentano i diversi momenti dei lavori stagionali nelle dieci aziende a conduzione femminile che hanno scelto di entrare in rete ed aderire al progetto di promozione territoriale. 

La singolare iniziativa della sezione Sicilia di Confagricoltura Donna, che già superate le prime cinquanta aziende, nella nostra isola vede crescere di continuo il numero delle imprenditrici associate, sarà portata in giro per l’Italia, ma per la prima tappa, quella inaugurale è stata scelta la cornice dell’Orto Botanico di Palermo. La mostra “Donne della Terra, Custodi del Paesaggio” aperta alle 11 di domenica 22 gennaio e sarà visitabile fino al 30 gennaio, sarà allestita negli spazio della sala Tineo dell’Orto Botanico di Palermo (orario invernale lun. – sab. 9/17, dom. 10/17, ingresso 7 euro, riduzioni dal sito www.ortobotanico.unipa.it).

Il progetto itinerante nasce da un’idea di M.Laura Crescimanno, giornalista, Maria Pia Piricò Gioia e Licia Guccione, rispettivamente presidente e vicepresidente della sezione Sicilia di Confagricoltura Donna. Quest’ultima ha curato il coordinamento e gli allestimenti.

Le fotografie sono state scattate nei mesi da settembre a novembre 2022 da: Anna Gioia, Filippo Barbaria, Chiara Fantauzza, Salvatore Girgenti, Manlio Ajovalasit, Gabriele D’Agostino, Carmelo Mazzaglia, Gaetano Conigliaro, Joerg Lehmann.

La mostra propone un insolito spaccato delle realtà agricole e paesaggistiche delle colline interne della Sicilia, dove si sperimentano ormai da anni sistemi di agricoltura sostenibile, si introducono nuove pratiche e si recupera uno stile di vita lento e salutare. Aziende che grazie ad internet aprono le porte ad eventi e ai viaggiatori stranieri, visitatori che – spiegano le organizzatrici – sempre più alla ricerca di esperienze di contatto umano in territori ricchi di forte identità e tradizione.  

L’opening della mostra itinerante che inizia il suo giro da Palermo sarà introdotto da Paolo Inglese, direttore del Simua (Sistema Museale di Ateneo) di Unipa, che spiega: «La storia, anche recente,  racconta di alcune donne straordinarie per la nostra agricoltura capaci di imporsi in un mondo “maschile” per definizione, grazie a capacità fuori dal comune. Penso alla grande Maria Cefalì, protagonista unica dell’agricoltura in Calabria, che osò sfidare il monopolio israeliano del pompelmo, o a Topazia Alliata che difese fino all’ultimo l’azienda dei principi di Salaparuta e, ancora, Maria Giaconia Pottino di Irosa, vera regina della Madonie. Ma, in fondo, non c’è da stupirsi: la Dea delle messi è pur sempre una donna e siciliana per giunta…».

L’imprenditoria femminile è un fenomeno in continua crescita, anche a livello nazionale e non solo in agricoltura. Come mostrano i dati elaborati da InfoCamere per l’Osservatorio sull’imprenditorialità femminile di Unioncamere, le imprese innovatrici al femminile rappresentano il 13,6% del totale delle start up, una quota analoga a quella registrata due anni prima (13,5%). Ma la loro crescita, nell’ultimo biennio (nonostante la pandemia) è stata notevole (+40%). Molte hanno sede nel centro Sud: di queste almeno il 24% si trova in Sicilia operando tra sanità, istruzione, ristorazione e agricoltura. 

L’esposizione si sposterà a Mazzarino nella chiesa di S.Ignazio di Loyola, dal 25 febbraio al 5 marzo; l’11 marzo parteciperà ad un evento al femminile promosso da Gruppo Riolo all’Audi Zentrum di Palermo; a maggio sarà ospitata nei musei civici di Caltavuturo, Valledolmo e Petralia Sottana. Tappa conclusiva a Roma presso la sede di Confagricoltura.

Le aziende in mostra

Azienda Agricola Kibbò

Situata in contrada Chibbò a Petralia Sottana nelle alte colline dell’entroterra madonita, è gestita dalla famiglia Gioia da quattro generazioni. Nei circa 200 ettari di estensione le attività principali sono la produzione di grano da seme e grani antichi siciliani, foraggi, canapa, olio extravergine d’oliva, legumi e infine l’apicoltura. Dal 1999 l’azienda è guidata da Maria Pia Piricò e dai figli che ha avuto dal marito Giammarco Gioia. Da cinque anni l’azienda, in un’ottica di innovazione mirata a diversificare le produzioni, ha introdotto l’allevamento delle api nere sicule con laboratorio di confezionamento dei prodotti e ha avviato la coltivazione della canapa industriale, dalla quale si ricavano olio e farina di filiera 100% siciliana.

Azienda agricola Licia Guccione Bio

L’azienda si trova nel territorio di Mazzarino, in provincia di Caltanissetta. Dal 1860 l’azienda viene tramandata di padre in figlio, insieme al proprio patrimonio di amore e passione per questo angolo di campagna siciliana, armoniosa, incontaminata e incorniciata da colline policrome, mandorli, ulivi, e in cui svetta monte Formaggio, con la sua particolare forma piramidale, teatro di tramonti indimenticabili.  È in questa cornice meravigliosa che si  occupano  di preservare il patrimonio rurale Licia e la figlia Carolina che coltivano olive e mandorle biologiche, alle quali si è aggiunta da poco una piccola linea di oli edibili ad uso cosmetico. La Masseria Floresta è anche una casa vacanze per chi desidera trascorrere qualche giorno all’insegna del relax e della quiete.

 Azienda agricola Podere Messina

Azienda vitivinicola dal 1953 si trova a pochi passi dal sito archeologico di Segesta. Alla coltura della vite con varietà autoctone come Catarratto, Zibibbo, Nero D’Avola e Frappato si affianca la produzione di olio extravergine d’oliva in cui è adottata la pratica del sovescio e dell’inerbimento con leguminose. La  vendemmia fatta a mano permette di selezionare attentamente ogni filare da cui vengono scelte solo alcune piante. Oggi la tenuta è condotta da Claudia Messina con la figlia Roberta Sibani. Si rivolge a un mercato con poche bottiglie ma di qualità eccellente.

Azienda agricola Gelso della valle

L’azienda si trova a Valledolmo in provincia di Palermo ed è condotta dalle sorelle Finocchiaro. Da sempre gestita da donne che amano la terra e le tradizioni, l’azienda produce olio, origano e la tipica passata di pomodoro “siccagno” realizzata con metodi rigorosamente artigianali. L’azienda, dopo un sapiente restauro che ha mantenuto intatta l’atmosfera delle antiche masserie siciliane (con ceramiche, ferro battuto e arredi d’epoca), è anche un agriturismo con piscina, ristorazione tipica locale a conduzione familiare.

Azienda Agricola Silvia Sillitti

Situata a Grotta d’Acqua in provincia di Caltanissetta, l’azienda agrituristica è condotta da Silvia Sillitti che si occupa della produzione di grano e olio extravergine di oliva. Dal 2000 le produzioni sono esclusivamente in bio. Dal 2005 Silvia ospita in azienda turisti provenienti da tutto il mondo alla ricerca della bellezza dell’entroterra siciliano e di paesaggi ancora poco deturpati e poco conosciuti. Gli ospiti hanno la possibilità di fruire dell’orto familiare, di degustare i prodotti aziendali, di cucinare insieme e di essere coinvolti nelle attività agricole.

Azienda agricola La Duca

Condotta da Tania Amica e dai figli Lucia e Ignazio La Duca, oggi l’azienda è giunta alla quarta generazione. Si estende per un totale di circa 100 ettari ed divisa in due corpi. Il primo si trova in contrada Vicaretto a Polizzi Generosa, il secondo in contrada Rovittello a Sclafani Bagni. Vi si coltiva grano duro, puntando su due varietà: Simeto e Russello. Di recente è stata aggiunta la coltivazione di canapa, sposando un progetto innovativo supportato dall’Università di Catania.

Azienda agricola Masseria Acque di Palermo

Situata a Roccapalumba in provincia di Palermo, Acque di Palermo è una masseria risalente al 1947. Costruita dal barone Giovanni Riso come residenza estiva della sua famiglia, è situata nell’omonima contrada e ha mantenuto nel tempo l’impianto architettonico originale di gran fascino con un abbeveratoio collocato al centro del cortile. Oggi è Emanuela Morello, nipote del barone Riso, a condurre l’agriturismo e l’azienda agricola. La Masseria è anche uno spazio funzionale per meeting, matrimoni e altre occasioni e funziona anche da fattoria didattica arricchita dalla presenza di diversi animali dove si svolgono laboratori e visite per i più piccoli .

Azienda agricola La Mediterranea

L’azienda con a capo Paola Gurrieri ha sede ad Acate in provincia di Ragusa e si estende su una superficie complessiva di oltre 100 ettari. Dal 1985 si dedica con passione alla produzione di crisantemi ed è leader in Europa nella coltivazione programmata a ciclo continuo. È una delle aziende florovivaistiche siciliane più avanzate dal punto di vista tecnologico. Tutti gli impianti di coltivazione, infatti, risultano completamente  informatizzati, consentendo di regolare tutte le variabili ambientali e nutrizionali, accrescimento e fioritura, ottenendo mediamente quattro cilci produttivi all’anno. Le tecnologie installate hanno consentito di di abbattere nello stesso tempo i costi energetici e quelli produttivi e di ottenere allo stesso tempo un prodotto dagli standard qualitativi elevatissimi pari o superiori a quelli di analoghe produzioni realizzate in Olanda che, com’è noto, è il riferimento mondiale per la floricoltura. 

Azienda agricola Sant’Ippolito

L’azienda, 30 ettari di terreno coltivati in biologico, si trova a Corleone in provincia di Palermo ed è condotta da Ornella Gasbarro. Produce prevalentemente grano, privilegiando i grani antichi di Sicilia, ma anche olive, susine, altri cereali e piante da orto. La masseria si ispira ai valori della solidarietà, della promozione della salute, del rispetto ambientale e dell’inclusione sociale. Le attività proposte dalla fattoria sono lontane dai consumi di massa e dalle richieste di un mercato globalizzato. 

Azienda Agricola Giusi Alfano

L’azienda agricola Alfano si trova nel comune di Petrosino, in provincia di Trapani. Produce limoni dal 1820, privilegiando la varietà Femminello Zagara Bianca. A condurre l’azienda tutta in bio dal 1997 sono Giusi Alfano con la figlia Carlotta. Inizialmente le proprietà di Giusi Alfano e la relativa azienda agricola si trovavano nella piana di Palermo. A seguito del “sacco di Palermo” che ha di fatto cancellato le realtà agricole ai margini della città, gli Alfano hanno preferito acquisire nuovi terreni in provincia di Trapani per poter continuare la tradizionale coltivazione degli agrumi di Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *