Gasolio agricolo, procedura online al palo. Assegnazioni con modalità cartacea

Gasolio agricolo, procedura online al palo. Assegnazioni con modalità cartacea
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La procedura informatica messa in campo dall’Assessorato regionale all’Agricoltura per l’assegnazione del carburante agricolo agevolato, quella nota con il nome ben augurante di “Quadrifoglio”, resta ferma al palo. E per evitare ulteriori problemi agli agricoltori stretti dalle difficoltà provocate dalla pandemia, torna in campo, almeno momentaneamente, la vecchia procedura “cartacea”.

Il dirigente generale del Dipartimento regionale Agricoltura che prima aveva concesso una moratoria sul procedimento cartaceo solo per la serricoltura, il vivaismo e con “motivate” argomentazioni per il comparto zootecnico, ha dovuto cedere alle pressioni arrivate da più parti. Prima la nota di Cia e Copagri, secondo cui “le nuove regole di presentazione delle richieste per l’assegnazione del carburante stanno determinando troppi ritardi”. In una nota congiunta indirizzata all’assessore regionale all’Agricoltura Toni Scilla e al dirigente generale Dario Cartabellotta, i presidenti regionali della Copagri Natale Mascellino e della Cia-Agricoltori italiani Rosa Giovanna Castagna hanno chiesto che l’assegnazione del carburante agricolo possa essere avviata con le medesime modalità degli anni scorsi, ovvero assegnazione del 50% sul prelevato dell’anno precedente a seguito di autocertificazione del produttore, completamento della richiesta entro il 30 giugno 2022. “Questa procedura – hanno scritto i vertici regionali di Cia e Copagri è possibile poiché fino al 31 marzo è attivo lo stato di emergenza per cui molte procedure possono essere semplificate, rispettando le norme e garantendo i diritti degli agricoltori”. 

In rapida successione è arrivata la richiesta presentata nel corso dell’ultima seduta all’Ars, da Angela Foti, vicepresidente dell’Ars e deputata regionale di Attiva Sicilia. «Gli agricoltori – ha spiegato Foti – non possono richiedere carburante per via della piattaforma informatica Quadrifoglio ancora in lavorazione e se non dimostrano di aver pagato la bolletta dei consorzi di bonifica, anche se questi ultimi hanno erogato l’acqua una sola volta a stagione finita, viene ridotta una corposa quota del carburante: eppure la categoria è già pesantemente vessata da siccità e crisi».

Alle richieste delle organizzazioni professionali agricole e dell’ordine del giorno che è stato accolto in Aula e ha ricevuto le rassicurazioni dell’assessore regionale all’Agricoltura, Toni Scilla, sono seguite le azioni: infatti da oggi, gli ispettorati procederanno con la concessione del 50% del carburante sulla base della storico del 2021. «Gli agricoltori – ha continua Foti – sono allo stremo e ci aspettiamo che in finanziaria, vista la sensibilità del governo, si appongano le coperture per sanare la situazione dei consorzi che non hanno erogato acqua e certamente non possono rivalersi sugli agricoltori con emissione di cartelle e veti sul carburante attraverso gli ispettorati a danno di chi ha pagato il prezzo più duro della emergenza climatica e caro prezzi».

Alla questione, come già detto, è stato posto rimedio con la recentissima nota (porta la data del 20 gennaio) a firma del dirigente generale Dario Cartabellotta il quale “al fine di evitare ritardi nella gestione colturale delle aziende agricole in relazione all’implementazione delle procedure digitali e a causa del perdurante stato di emergenza legato alla pandemia Covid-19 prorogato fino al 31 marzo 2022”, ha disposto che per tutte le richieste e colture, gli Uffici del Dipartimento Agricoltura (Ia e Uia) procederanno con decorrenza immediata all’emissione di un primo provvedimento di concessione per un quantitativo massimo pari al 50% dell’assegnazione del 2021.

Un pensiero su “Gasolio agricolo, procedura online al palo. Assegnazioni con modalità cartacea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.