Incendi, avviso della Protezione Civile per gli aiuti agli allevatori siciliani

Incendi, avviso della Protezione Civile per gli aiuti agli allevatori siciliani
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In arrivo i primi ristori agli allevatori delle aree interessate dagli incendi. L’importo massimo è di 20 mila euro e non più di otto giorni per presentare le domande. Lo prevede l’avviso del Dipartimento Regionale della Protezione Civile che è stato pubblicato oggi, 12 agosto, e che è rivolto a tutti i produttori che hanno subìto gravi danni causati dagli incendi degli ultimi giorni.

L’avviso mette in circolo le prime risorse stanziate dal governo regionale per far fronte alle immediate spese di pronto intervento. Si tratta di contributi per l’acquisizione di foraggi e mangimi, per la riparazione e/o il ripristino delle recinzioni dei pascoli e delle tubazioni per l’approvvigionamento idrico necessario a garantire la sussistenza degli animali. Sono previsti anche contributi per la ricostituzione dei capi di bestiame perduti a causa degli incendi. Cosa importante e non scontata è che la concessione del contributo non è subordinata alla regolarità contributiva delle imprese richiedenti. Ovviamente deve trattarsi di un allevamento “regolare” in possesso di codice assegnato dall’Azienda Sanitaria Provinciale. 

La domanda redatta secondo il modello prestampato scaricabile qui, dovrà essere presentate esclusivamente via pec a tre uffici: Dipartimento regionale della Protezione Civile, Ispettorato provinciale dell’agricoltura competente per territorio e Dipartimento regionale dell’Agricoltura e dovrà essere corredata da: fascicolo aziendale aggiornato; documentazione fotografica sui beni incendiati geotaggata e altra documentazione asseverata; copia del documento di identità del richiedente.

A ciascun allevatore verrà riconosciuto al massimo 140 euro per ogni Uba, 175 euro se Uba con figlio piccolo al seguito e 24 euro per ciascun capo ovino e caprino. Il calcolo è riferito a una dotazione di foraggi e mangimi necessaria al mantenimento del bestiame per tre mesi. Inoltre, qualora siano stati persi capi di bestiame, il contributo ammonta a 1500 euro per bovini ed equini e 150 euro per ovini e caprini.

Da definire meglio il contributo per la fornitura e posa in opera di paletti e filo spinato e tubazioni in plastica. In linea di massima – in attesa di più precise determinazioni –  è previsto un contributo di 2 euro al metro lineare per le recinzioni in pali di legno e filo spinato di delimitazione dei pascoli e di 1 euro a metro per le tubazioni in polietilene.

Fatte le prime sommarie verifiche e richieste eventuali interazioni nella documentazione viene sbloccata l’erogazione del 50 per cento del contributo. Il pagamento del saldo è vincolato alla presentazione della documentazione che attesti l’acquisto e la realizzazione dei lavori.

© Copyright 2021 – Tutti i diritti riservati Sicilia Verde Magazine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *