Zootecnia bio, Agea corregge l’algoritmo. Ecco come ottenere ricalcolo del premio

Zootecnia bio, Agea corregge l’algoritmo.  Ecco come ottenere ricalcolo del premio
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

C’è voluto tempo e tanta pazienza. Ma alla fine Agea ha capitolato, ha ammesso l’errore e adesso è pronta al ricalcolo del premio. Agli allevatori siciliani che seguono il metodo biologico selezionati con i bandi del 2015, 2016 e 2019 della misura 11 del Psr Sicilia (“Agricoltura biologica”) e che hanno ricevuto un premio non allineato a quanto previsto dalle disposizioni attuative, Agea è pronta ad applicare un nuovo algoritmo e sulla base di questo effettuerà le compensazioni economiche.

Per ottenere il ricalcolo del premio bisogna fare domanda. I tempi, però, sono stretti. Anzi strettissimi. Tutte le aziende interessate al ricalcolo del premio, dovranno inviare entro il 15 giugno all’Ispettorato Agricoltura territorialmente competente una Pec allegando la richiesta di riapertura istruttoria utilizzando il modello scaricabile dal sito del Psr Sicilia.

Ma ricostruiamo la vicenda. Un banale errore di impostazione dell’algoritmo ha fatto sì che tutte le aziende zootecniche con un carico di bestiame pari a 0,4 Uba/ha non avessero ricevuto nemmeno un centesimo. Anche se, le disposizioni attuative della misura 11 prevedevano un premio di 42 euro per ettaro.

I tecnici dell’assessorato agricoltura hanno anche constatato che per il 2020 a molte aziende zootecniche con pascoli e carichi di bestiame di poco superiori al valore minimo di 0,4, sono stati erogati importi eccessivamente bassi: pari a un terzo del minimo che, lo ricordiamo, ammonta a 42 euro.

La magagna è venuta a galla solo a inizio 2021, a distanza di anni dal primo bando per il bio del Psr Sicilia 2014-20. Ma meglio tardi che mai. Era da un po’ che i beneficiari lamentavano di avere percepito premi dall’importo ridicolo e al limite dell’offensivo. Pare che all’assessorato regionale Agricoltura siano venuti a conoscenza dell’algoritmo utilizzato da Agea per il calcolo del premio, lo scorso 25 novembre, ma solo dopo che ne è stata fatta esplicita richiesta all’Ente pagatore. La matematica, evidentemente, non rientra tra i punti forti di Agea. Ammesso che Agea possa vantarne. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *