Imu agricola, i Comuni battono a cassa per recuperare quella non pagata

Imu agricola, i Comuni battono a cassa per recuperare quella non pagata
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cartelle in arrivo per l’Imu agricola del 2015 che non è stata pagata. I Comuni siciliani battono a cassa e si rivolgono agli agricoltori che sono già fortemente penalizzati dalle conseguenze della pandemia. sulla questione dell’Imu agricola interviene la Cia Sicilia Orientale. «Chiediamo ai sindaci dei comuni che hanno inviato le cartelle in questi mesi di sospendere immediatamente l’emissione degli avvisi agli agricoltori contribuenti», dichiara il presidente Cia Sicilia Orientale, Giuseppe Di Silvestro.

«I comuni non possono risolvere i problemi finanziari, battendo cassa sulle spalle degli agricoltori, trattati  alla stregua di un bancomat», stigmatizza il presidente Cia Giuseppe Di Silvestro. «L’Imu sui fondi agricoli – continua Di Silvestro – così come venne concepita negli anni 2014 e 2015, è stata una tassa iniqua ed inaccettabile, tant’è che è stata abolita per il 2016 e gli anni a seguire. Riteniamo debba essere cancellata anche per gli anni pregressi. Ma nelle more che si sbrogli la matassa, chiediamo alle Istituzioni di sospendere la notifica di avviso di pagamento anche in relazione al periodo pandemico che vede parecchie aziende agricole in forte difficoltà economica. È un’ulteriore colpo alle imprese agricole già duramente provate da gravi crisi di mercato che hanno messo in ginocchio le più importanti filiere agricole».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

C'è stato un errore mentre tentavi di inviare la richiesta. Per favore, riprova

Sicilia Verde Magazine utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per essere in contatto con te e per fornire aggiornamenti e marketing