Agroalimentare, bando del Mise per macchinari innovativi nel Sud Italia

Agroalimentare, bando del Mise per macchinari innovativi nel Sud Italia
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sarà possibile presentare domanda a partire dal prossimo 13 aprile al secondo sportello del bandoMacchinari Innovativi con cui il Mise, il Ministero dello Sviluppo economico, mette a disposizione l’ulteriore tranche da 132,5 milioni di euro. Ne dà notizia il deputato Giuseppe L’Abbate, esponente M5S della Commissione Agricoltura della Camera che a tal proposito afferma: «Si tratta di una importante occasione da cogliere per le micro, piccole e medie imprese e per le reti d’impresa agroalimentari delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia». 

La misura “macchinari innovativi” è finanziata con una cifra pari a quella già messa a disposizione lo scorso anno dal Ministero con l’apertura del primo sportello del bando. Si tratta di risorse a valere sul Programma operativo nazionale “Imprese e competitività” 2014-2020 Fesr.

Le domande potranno essere compilate a partire dalle ore 10 del 13 aprile, mentre l’invio della richiesta potrà avvenire dalle 10 del 27 aprile.

L’intervento del Mise mira a sostenere i programmi di investimento diretti da 400mila a 3 milioni di euro che prevedano l’acquisizione di tecnologie abilitanti finalizzate a consentire la trasformazione tecnologica e digitale nonché soluzioni tecnologiche in grado di rendere il processo produttivo più sostenibile e circolare. «In questo modo – prosegue L’Abbate – sosteniamo il percorso delle imprese agroalimentari italiane nei principi del Green Deal europeo e della strategia Farm to Fork».

Le risorse, erogate da Invitalia per l’acquisto di macchinari innovativi, saranno concesse come contributo a fondo perduto e finanziamento agevolato, per una percentuale sulle spese ammissibili pari al 75%. Il finanziamento agevolato, non assistito da particolari forme di garanzia, deve essere restituito dall’impresa beneficiaria senza interessi in un periodo della durata massima di 7 anni a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo delle agevolazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

C'è stato un errore mentre tentavi di inviare la richiesta. Per favore, riprova

Sicilia Verde Magazine utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per essere in contatto con te e per fornire aggiornamenti e marketing