Laghetti aziendali, proroga per la cantierabilità dei progetti

Laghetti aziendali, proroga per la cantierabilità dei progetti
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Prorogati di ulteriori 45 giorni i tempi per presentare la documentazione per accedere agli aiuti destinati alle imprese agricole che devono realizzazione i laghetti aziendali. La disposizione è contenuta in un avviso pubblicato di recente sul sito del Dipartimento regionale dell’Agricoltura.

Le aziende agricole siciliane ammesse ai contributi per finanziare i progetti finalizzati a fronteggiare la siccità e a gestire meglio l’acqua per scopi irrigui e per l’allevamento che sono inserite nella graduatoria approvata a dicembre dello scorso anno sono in tutto 759.  Per tutte ci sarà, dunque, piú tempo per inviare la documentazione relativa alla cantierabilità necessaria per procedere all’istruttoria tecnico-amministrativa.

Inizialmente i termini fissati per il perfezionamento della pratica con la dimostrazione della cantierabilità erano stati fissati in 90 giorni.

La richiesta di proroga è arrivata dalla Federazione dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali ed è stata accolta dal Dipartimento regionale dell’Agricoltura per una valida ragione: i procedimenti istruttori sono stati avviati in ritardo e in coincidenza con il periodo delle ferie estive. Circostanza che ha ulteriormente rallentato l’attività degli enti preposti al rilascio dei permessi e delle autorizzazioni. Il ritardo con cui sono stati emessi i provvedimenti avrebbe messo a rischio la finanziabilità dei progetti.

In più all’assessorato regionale all’Agricoltura e allo Sviluppo rurale hanno considerato anche altre circostanze: la grave emergenza congiunturale causata dalla pandemia da Covid 19 che ha determinato ritardi e disfunzioni nell’attività degli uffici pubblici e la crisi economica derivante dall’aumento dei costi delle materie prime.

La proroga dei termini, tuttavia, non è automatica. Le ditte interessate devono farne precisa richiesta debitamente motivata all’ispettorato dell’Agricoltura competente, allegando copia delle richieste che fanno riferimento alla cantierabilità agli enti preposti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.