Morto Antonino Cossentino, presidente della Cia Sicilia Occidentale

Morto Antonino Cossentino, presidente della Cia Sicilia Occidentale
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

È morto ieri Antonino Cossentino, presidente della Cia Agricoltori Sicilia Occidentale e imprenditore del settore vitivinicolo, tra i primissimi a investire nel biologico. «La sua scomparsa – dichiara Luca Basset, direttore della Cia Sicilia Occidentale – lascia un grande vuoto nella Confederazione e tra i tantissimi imprenditori agricoli che hanno avuto modo di conoscerlo. Ci lascia una persona perbene, sempre disponibile, che ha saputo interpretare al meglio i bisogni e le necessità del comparto agricolo del territorio siciliano, spendendosi fino all’ultimo in favore degli altri». 

Cossentino era stato eletto presidente della Cia Sicilia Occidentale nel gennaio del 2014 ed è stato il primo imprenditore agricolo ad essere eletto per questa carica. Quattro anni dopo la rielezione all’unanimità.

«Nino Cossentino – scrive in una nota Rosa Giovanna Castagna presidente regionale di Cia Sicilia – è stato un dirigente responsabile e capace che ha guidato con determinazione e autorevolezza la Cia Sicilia occidentale in un momento di riorganizzazione e rilancio, ha contribuito all’azione politica della Confederazione regionale in modo pacato, mai fuori dalle righe e con un adeguato senso di responsabilità per il ruolo di vicepresidente che ricopriva». 

«A lui  – continua Castagna – un doloroso addio accompagnato dal mio sentito e sincero ringraziamento per la lealtà e la compostezza con cui è stato capace di supportare il mio lavoro e per il contributo politico, di forma e di sostanza, che ha saputo produrre, con la lungimiranza di un grande imprenditore e la saggezza che un buon dirigente deve sempre trovare».

Al cordoglio si unisce anche Toni Scilla, assessore regionale dell’Agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea: «La  scomparsa di Antonino Cossentino ci addolora particolarmente. Persona gentile e professionista di grande spessore ha rappresentato l’impegno costante e appassionato nella tutela del settore dell’agricoltura. Dirigente lungimirante ed esempio di concretezza. Mi piace ricordarlo disponibile al confronto e sempre propositivo. Alla famiglia vanno il mio cordoglio e la mia vicinanza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.