Zagara d’Autunno, peperoncini da tutto il mondo in mostra a Palermo

Zagara d’Autunno, peperoncini da tutto il mondo in mostra a Palermo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Torna tra i viali dell’ Orto Botanico, fiore all’occhiello del Sistema Museale dell’Università di Palermo, per una ricca ventunesima edizione, la Zagara d’ Autunno. La mostra mercato del florovivaismo, evento attesissimo in città e in tutto il meridione d’Italia, quest’anno apre i cancelli al pubblico da venerdì 29 ottobre alle 14 sino al tramonto del lunedì 1° novembre.

«Questa XXI edizione – spiega il direttore dell’Orto Rosario Schicchi – dopo le incertezze causate della pandemia, vede oltre quarantacinque vivaisti provenienti da tutta Italia e dall’estero, ed una mostra sui peperoncini di tutto il mondo, un notevole sforzo organizzativo che consentirà ai visitatori di fare un sorprendente giro del patrimonio di biodiversità a livello planetario». 

Zagara d’Autunno si presenta, dunque, come un’occasione unica per una full immersion tra piante mediterranee, succulente, officinali ed ornamentali, eventi culturali, laboratori botanici e novità per i più piccoli, come l’orto di martorana, per imparare a lavorare e colorare la pasta di mandorle della tradizione palermitana.  

Nelle passate edizioni sono stati ben ottomila i visitatori che hanno riscoperto la bellezza dell’Orto botanico di Palermo che vanta oltre duecento anni di attività ed è noto agli studiosi europei per il ricchissimo Erbario Mediterraneo, per le collezioni di succulente, di Cicadee, di palme, per i ficus giganti, la grande serra Carolina, e tanto altro ancora. 

Non mancano le novità con le piccole serre restituite alla fruizione dopo i restauri del 2020, grazie alle donazioni di privati con l’utilizzo dell’Art bonus. Notevolissimo anche l’incremento dei turisti, con i nuovi spazi aggregativi della nuova caffeteria Talea e gli eventi promossi dal partner Coopculture.   

Il programma

Venerdì 29 alle 14 apertura al pubblico della mostra botanica dal titolo “Il giro del mondo in 80 peperoncini, a cura dei Vivai Fratelli Gramaglia e dell’Orto Botanico, seguirà, sempre negli spazi del Gimnasium, l’ evento  progetto dell’ artista Tiziana Serretta e di Daniela Forcella in collaborazione con Barbera&Partners di Nadia Speciale, dal titolo “ Il biscotto dedicato alla pomelia”. Alle 17 in sala Lanza, un convegno a cura di Attilio Carapezza dal titolo  “1821-2021, 200 anni di Pomelie a Palermo, modera il giornalista Mario Pintagro, interviene il curatore dell’ Orto Manlio Speciale. 

Sabato 30 dalle 9.30 sino alle 11.30, presso la Serra delle Orchidee è prevista la visita guidata a cura di Amao,  Associazione Meridionale Amatori Orchidee. A seguire, in Aula Di Martino il laboratorio dedicato alla frutta di “mORTOrana” per bambini dai 5 ai 10 anni (durata 90 minuti, 8 € a cura di CoopCulture).

Alle 11:30 in Sala Lanza il seminario sulla coltivazione di orchidee tropicali a cura di Daniel Klein, presidente della Società Felsinea di Orchidofilia, e dalle 12 su prenotazione, la prima visita guidata dell’Orto (info coopculture, 5 € ).

Alle 13 negli spazi del Piazzale D’Ucria, torna anche il “Premio Zagara d’Autunno”, con la premiazione alla miglior collezione botanica e allestimento a cura del direttore dell’Orto Rosario Schicchi, Aloisa Moncada, Eliana Lombardo.

Alle 14 in Sala Lanza tornano i seminari sulle potature ed innesti, a cura di Giuseppe Di Noto, dottore di ricerca in risorse vegetali, mentre alle 15, sarà la volta della coltivazione di Hoya, a cura di Toti Bellavista dell’ azienda Yaya Hoya.

Alle 16 in Sala Lanza appuntamento per il convegno sul “Contributo degli orti botanici siciliani per il verde ornamentale” modera Paolo Inglese, direttore Sistema Museale di Ateneo, intervengono Rosario Schicchi, Giampietro Giusso del Galdo, direttore Orto Botanico di Catania, Alessandro Crisafulli dell’ Orto Botanico di Messina. Manlio Speciale, curatore dell’Orto Botanico di Palermo, presenta il volume “Gli Alberi di Palermo” di Rosario Schicchi e Manlio Speciale, edito da Palermo University Press.

Domenica 31 ottobre dalle 9,30 ancora visite guidate da esperti alla serra delle orchidee e laboratori per bambini a cura di Coopculture. Alle 11 in Sala Lanza, l’atteso incontro per il premio nazionale “weTree” dedicato all’architetto palermitano Rosanna Piraino. Il premio di 5 mila euro andrà al progetto vincitore del concorso “Incontri Mediterranei – Aprire il confine, ricucire le distanze, accogliere la ricchezza” per l’ampliamento dell’Orto Botanico della città di Palermo, presente Ilaria Borletti Buitoni, presidente di weTree e Mario Faro, della fondazione Radicepura. 

Alle 12,30 è prevista la cerimonia d’apertura della Serra Didattica con l’evento dal titolo “Il recupero delle piccole serre dell’ Orto” a cura di Paolo Inglese e Aloisa Moncada di Paternò, intervengono i donatori che hanno permesso il restauro: Giuseppe Russello Omer s.p.a, Riccardo Damiano, Davide La Commare. Alle 16 in Sala Lanza presentazione del libro “I giardini del Sole” di Gaetano Zoccali, edito da Officina Naturalis, modera Rosario Schicchi.

Lunedì Alle 11,30 in Sala Lanza, seminario sulla coltivazione di orchidee tropicali e fertilizzazione a cura di Daniel Klein, presidente della Società Felsinea di Orchidofilia, a seguire ancora laboratori per bambini, seminari per adulti e visite guidate a cura di Coopculture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *