A Comiso la quarta edizione del Symposium internazionale sul Pomodoro

A Comiso la quarta edizione del Symposium internazionale sul Pomodoro
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Torna di scena a Comiso il IV Symposium Internazionale sul Pomodoro organizzato dalla rivista professionale Agrisicilia e dedicato alla coltura principe della fascia trasformata siciliana. Dopo oltre un anno di divieti per incontri commerciali e convegni l’edizione 2021 del Simposio sarà una boccata d’ossigeno per le ditte sponsor che vorranno riprendere un dialogo diretto con i produttori siciliani e per quanti vorranno dedicare due giorni alla propria crescita culturale e imprenditoriale seguendo in platea l’evento.

Il Simposio è da sempre in evento molto atteso da parte dei produttori del settore, poiché offre un momento di confronto, di formazione e di crescita culturale internazionalizzante.

Sarà la terza volta consecutiva in cui la città di Comiso (Rg) si prepara ad ospitare il Simposio internazionale che, per questa annualità, vedrà come paese partner la Polonia. L’evento in programma dal 29 al 30 ottobre, si svolgerà presso lo storico chiostro e gli spazi di quello che fu l’antico mercato del pesce in centro città. 

Si inaugurerà il 29 ottobre con il convegno sulla salinità dei suoli, il primo ed unico “Tomato Village” d’Italia, un luogo dedicato, per due giorni, a numerose iniziative che ruoteranno intorno al tema del pomodorino siciliano.

L’evento ha visto sin da subito il favore di sponsor e partner istituzionali interessati ad investire in questo importante evento formativo e di divulgazione scientifica.

I convegni

Ricco il programma di questa parlerà anche di prodotti per crescita e difesa delle piante, di fertirrigazione, di serre innovative e naturalmente delle varietà più idonee che il mondo sementiero ha messo a punto per la Sicilia. 

L’evento, giunto ormai alla sua 4ª edizione, potrà contare su un parterre di docenti universitari e ricercatori di sicuro valore scientifico e interesse. Si alterneranno al microfono, infatti, docenti dell’università di Napoli come Gianluca Caruso e altri ricercatori, docenti dell’università di Cracovia in Polonia come Agnieszka Sękara e docenti e ricercatori dell’università di Catania (Antonio Barbera, Francesco Giuffrida e Rosario Mauro) che dialogheranno in un confronto diretto con i colleghi italiani e polacchi.

La sessione pomeridiana di venerdì 29 sarà dedicata al tema della salinità dei suoli con la presentazione di una ricerca effettuata presso una azienda del gelese il giorno dopo (sabato 30) sarà la volta invece dell’assise generale del Simposio con gli interventi scientifici su produzione e difesa e quelli dedicati ai mercati di acquisto polacchi. 

Polonia futuro mercato per il prodotto siciliano?

Al centro dell’evento ci saranno, naturalmente, i temi economici e della commercializzazione del pomodoro grazie alla presenza di Bartłomiej Majda, consulente per la grande distribuzione polacca con esperienza ultra decennale nel settore dell’ortofrutta e del pomodoro in particolare. Gli ospiti del Simposio potranno quindi conoscere tutti i vantaggi e le norme da rispettare per accedere commercialmente al mercato polacco che al momento è uno dei maggiori per crescita e scelta qualitativa del prodotto.

Proprio su questo punto, il direttore del mensile Agrisicilia, Massimo Mirabella, testata organizzatrice del Symposium, ha dichiarato: «Siamo pronti anche quest’anno ad offrire ai produttori siciliani un momento di alta formazione. Grazie ai nostri sponsor permettiamo infatti loro, a costo zero, di fare un viaggio culturale e formativo, rimanendo comodamente seduti in poltrona. I nostri relatori ci presenteranno, infatti, le novità nel settore genetico, delle malattie vegetali, del post-raccolta e della commercializzazione che hanno più interessato le loro realtà. Partecipando ai nostri eventi, dunque, si riesce a conoscere l’andamento internazionale del settore e i futuri mercati di sbocco per il prezioso pomodorino siciliano».

L’evento è a porte chiuse e solo su invito. Saranno accreditate circa 200 aziende di produzione del pomodorino della fascia trasformata Sud orientale della Sicilia rappresentate da titolari e tecnici aziendali. Per proporre la propria partecipazione come pubblico le ditte interessate potranno inviare una mail a redazione@mensileagrisicilia.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *