Rinascita dei vitigni reliquia, evento digital delle Donne del Vino Sicilia

Rinascita dei vitigni reliquia, evento digital delle Donne del Vino Sicilia
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  

Madama Nera, Muscatedda, Terribile, Vispara dell’Etna. Sono i nomi di alcuni vitigni endemici del territorio etneo che decenni fa, per motivi diversi, sono scomparsi dai vigneti. Vengono chiamati anche “vitigni reliquia” per la loro rarità o “vitigni gioiello” per la loro preziosità.

Di recente, grazie all’impegno della ricerca e alla tutela delle istituzioni e di alcuni lungimiranti produttori, stanno pian piano riapparendo. Il recupero e il ritorno alla coltivazione è perfettamente coerente con le nuove linee d’indirizzo dettate a livello europeo e finalizzate alla conservazione della biodiversità anche in campo agricolo.

Biodiversità, sostenibilità, tutela del paesaggio, riscoperta delle tradizioni e adeguata risposta della viticoltura ai cambiamenti climatici: i vitigni reliquia sono tutto questo, e la loro riscoperta, a distanza di decenni dall’abbandono, adesso rappresenta il futuro. Il fenomeno verrà commentato da tecnici e addetti ai lavori nell’evento digital “La rinascita dei vitigni reliquia” programmato per martedì 16 marzo alle 15.00 in diretta Facebook dalla pagina nazionale dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino @noidonnedelvino e in simultanea anche sulla pagina della delegazione siciliana Le Donne del Vino Sicilia @ledonnedelvinosicilia.

evento vitigni reliquia

La rinascita dei vitigni reliquia in Sicilia e in particolare sull’Etna, è ormai un fenomeno che si sta diffondendo tra i produttori più lungimiranti che sono alla ricerca delle antiche radici del “vigneto Sicilia”. Questa realtà ampelografica, ancora poco nota perfino tra gli addetti ai lavori, offre spunti di riflessione interessanti, in un momento in cui puntare sul passato significa anche scommettere sul futuro.

L’appuntamento del 16 marzo si inserisce nell’ambito delle attività in programma per Donne, Vino e Ambiente 2021 dell’associazione presieduta da Donatella Cinelli Colombini e costituita da professioniste con competenze trasversali e complementari in ambito enologico: produttrici, sommelier, giornaliste ma anche avvocate, commercialiste, manager.

L’evento siciliano ideato e organizzato da Roberta Urso, delegata per la regione Sicilia, si avvarrà di un tavolo tecnico virtuale di grande rilievo e sarà moderato dalla giornalista catanese Valeria Lopis specializzata in vino, cibo e territorio, socia Donne del Vino Sicilia.

Ciascun relatore si soffermerà su aspetti diversi che sta offrendo il fenomeno dei “vitigni reliquia”, gli interventi previsti sono i seguenti: Aurora Ursino, socia Donne del Vino Sicilia, agronoma e sommelier con competenze riguardo alle normative in materia di realizzazione progetti per accesso ai fondi europei; Elisabetta Nicolosi, ricercatrice dell’Università di Catania del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente sezione di Arboricoltura e Genetica Agraria; Antonio Sparacio dell’Irvo Istituto Regionale Vite e Olio, dottore agronomo responsabile dell’Unità Operativa di Ricerca, Sperimentazione e trasferimento innovazione; Maurizio Lunetta, direttore del Consorzio Etna doc; Alessandra Gentile, di arboricoltura generale e coltivazioni arboree dell’Università di Catania; Salvo Foti, produttore etneo, autori di libri sulle tradizioni e tipicità della viticoltura del territorio. I lavori partiranno con i saluti istituzionali dell’Assessore Regionale all’Agricoltura, Sviluppo Rurale e Pesca Mediterranea della Regione Sicilia Toni Scilla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

C'è stato un errore mentre tentavi di inviare la richiesta. Per favore, riprova

Sicilia Verde Magazine utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per essere in contatto con te e per fornire aggiornamenti e marketing