Pistacchio di Raffadali presto Dop, domanda pubblicata in Guce

Pistacchio di Raffadali presto Dop, domanda pubblicata in Guce
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

È di ieri, 20 novembre, la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale europea della la domanda di registrazione della denominazione Pistacchio di Raffadali Dop. È questo un importante passo avanti verso il decisivo riconoscimento della denominazione di origine protetta per l’oro verde dell’Agrigentino.

Adesso si contano i giorni: ne devono passare novanta dalla pubblicazione in Gazzetta e, se non ci saranno obiezioni da parte degli altri Stati Europei, l’eccellenza agroalimentare siciliana potrà essere iscritta nel Registro europeo delle Denominazioni d’origine e Indicazioni geografiche protette tutelate contro imitazioni e falsi.

Grande soddisfazione per i componenti del comitato promotore del Pistacchio di Raffadali Dop, Calogero Frenda (Presidente Associazione per la tutela del Pistacchio di Raffadali), Salvatore Gazziano, Carmelo Bruno e Franco Nocera che dichiarano: «Una grande notizia per Raffadali e per i territori che sono coinvolti in questo percorso. Un traguardo condiviso anzitutto con i nostri associati (produttori e trasformatori), ma anche con le istituzioni tra le quali l’amministrazione comunale di Raffadali, l’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Agrigento e le associazioni di categoria Cia-Agricoltori Italiani Sicilia, Confagricoltura, Cna Sicilia che in questi anni ci hanno sostenuto e fornito il necessario supporto per riuscire a redigere e definire il disciplinare che oggi viene pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea».

«Un sentito ringraziamento – concludono i componenti del comitato promotore – va rivolto anche ai funzionari dell’ufficio dell’Assessorato Regionale dell’Agricoltura, coordinati da Pietro Miosi e ai funzionari del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, coordinati da Luigi Polizzi. Grazie alla loro professionalità, il nostro prodotto può sognare di entrare nel panorama europeo, di essere tutelato e valorizzato, con la conseguente crescita economica di un intero territorio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *