Ok al decreto filiere minori: fondi per frutta in guscio, canapa e apicoltura

Ok al decreto filiere minori: fondi per frutta in guscio, canapa e apicoltura
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tre milioni di euro per sostenere e rilanciare le produzioni nazionali di frutta a guscio. Questa la cifra prevista nel decreto “Filiere minori” che ha ricevuto il via libera dalle Regioni. Le linee di intervento riguardano la promozione e l’attività di ricerca. Per la campagna di promozione delle varietà italiane di frutta a guscio son stati stanziati 1,2 milioni di euro. I restanti 1,7 milioni di euro sono destinati, invece, ai progetti di ricerca per la lotta agli insetti dannosi e similari nonché per lo sviluppo delle colture e delle esigenze varietali dei settori castanicolo, corilicolo, mandorle, pistacchi e carrube. 

A seguito dell’intesa raggiunta in Conferenza Stato-Regioni in merito al Decreto Filiere minori, per cui sono stati stanziati complessivamente 10 milioni di euro nella Legge di Bilancio 2021 anche la filiera della canapa nazionale avrà presto a disposizione i primi fondi dedicati. Si tratta di 3 milioni di euro, equamente suddivisi tra tre linee di intervento.

Il primo intervento prevede l’aiuto ad ettaro pari a 300 euro, nel limite di 50 ettari. Il secondo riguarda l’attività di ricerca per progetti su nuove varietà di canapa nel settore sementiero, sui metodi di controllo veloce sul Thc e sulla meccanizzazione e trasformazione primaria della canapa. 

Infine, via libera a un aiuto in de minimis alle imprese che investono nel post raccolta della canapa e in impianti di essiccazione, di pulizia del prodotto, stigliatura, confezionamento in atmosfera modificata, conforme agli standard di qualità del mercato ad uso alimentare (seme di canapa e derivati del seme).

Infine, novità anche per l’apicoltura. Con il via libera delle Regioni al decreto “Filiere minori”, il comparto apistico italiano si prepara a ottenere ulteriori 500mila euro finalizzati alla promozione delle produzioni nazionali. L’obiettivo che si prefigge di raggiungere è quello di definire e promuovere un Sistema di Qualità Nazionale per i prodotti dell’apicoltura o, in alternativa, concentrarsi sul miele italiano di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *