Forestali, piano stabilizzazioni tra un mese. Per ora solo contratti a termine

Forestali, piano stabilizzazioni tra un mese. Per ora solo contratti a termine
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  

Non c’è tempo per la tanto attesa riforma e per le altrettanto richieste stabilizzazioni. Anche per il 2020, pertanto, le assunzioni dei lavoratori forestali seguiranno le modalità dello scorso anno.

Qualche paura tra gli operai forestali in attesa del nuovo ingaggio, si era diffusa quando si è saputo delle sentenze favorevoli ad alcuni di loro che avevano intrapreso azione legale contro la Regione. Il Tribunale di Ragusa ha, infatti, di recente condannato l’amministrazione regionale a risarcire con dieci mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto, alcuni lavoratori forestali che avevano fatto ricorso alle aule di giustizia per “l’abusiva reiterazione dei contatti a termine”.

Questa vicenda, hanno assicurato all’unisono gli assessori Toto Cordaro (Territorio) e Edy Bandiera (Agricoltura e Sviluppo Rurale), benché abbia messo in difficoltà l’amministrazione regionale, non inciderà sull’imminente campagna di avviamento al lavoro, sia per la manutenzione ordinaria che per il servizio antincendio.

Da sinistra gli assessori al Territorio, Toto Cordaro e all’Agricoltura, Edy Bandiera

L’annuncio è stato dato durante l’incontro di oggi che si è svolto presso l’Assessorato Agricoltura con tutte le sigle sindacali di categoria dei lavoratori forestali. Presenti anche i Dirigenti generali del Comando Corpo Forestale, Filippo Principato e del Dipartimento dello Sviluppo Rurale, Mario Candore. Incontro, che ha fatto seguito a un precedente appuntamento andato però a vuoto per l’assenza dei due assessori impegnati a sala d’Ercole per l’approvazione dell’esercizio provvisorio.

Durante l’incontro Cordaro e Bandiera hanno poi assicurato di essere da tempo a lavoro alla riforma del settore che sarà presto presentata alle parti sociali. Le dichiarazioni dei due assessori hanno di fatto confermato quanto ha già dichiarato ieri il presidente della Regione Nello Musumeci secondo cui entro un mese la proposta di legge di riforma sarà pronta. Si vedrà poi se sarà possibile centrare l’obiettivo di approvarla in tempi rapidi e con tutto quello che le associazioni sindacali chiedono. A cominciare dal loro cavallo di battaglia: le stabilizzazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *